Valdaveto.net > Autori e collaboratori > Compagnia teatrale 'I funghetti di Vico'




Compagnia teatrale 'I funghetti di Vico'

Breve scheda informativa ed elenco dei documenti

 

La storia della Compagnia teatrale "I funghetti di Vico" raccontata da Valeria Zucchi

Nell'estate 2005, una sera, passando dall'aia Sciorbera, ho incontrato alcune bambine che si divertivano ad impersonare alcuni personaggi dei loro cartoni animati preferiti.
All'epoca insegnavo "Storia del teatro e del movimento" presso una scuola d'arte così le bimbe, sapendolo, mi hanno chiesto di aiutarle in alcuni balletti.
Notando la loro particolare attitudine per lo spettacolo, e il loro entusiasmo nel seguire le mie indicazioni, mi è sembrato carino allestire in modo molto semplice e "casereccio" la favola animata di Biancaneve.
Con la collaborazione di Sara Pecorella, abbiamo messo in scena uno spettacolino che con poche pretese, un foulard come mantello e lo specchio magico fatto con il domopack, ha riscosso un grande successo nel paese.
Così, dopo una decina di giorni ed innumerevoli richieste nel ripetere l’esperienza, abbiamo deciso di mettere in scena Pinocchio.
Vista l’affluenza di pubblico, questa volta ho scelto di rappresentare la recita in uno spazio un po' più "capiente": la Balera di Pravilla.
Il progetto sembrava diventare più ambizioso: la balena e la barca del naufrago Geppetto erano disegnate su dei pannelli di polistirolo e Pinocchio spuntava fuori a sorpresa da un baule.
Pochi giorni dopo, vedendo tutti i bambini riuniti a casa mia fantasticare il soggetto per la recita dell'estate successiva, mi accorsi che con grande spontaneità ed entusiasmo si era creata una vera e propria "compagnia teatrale" chiamata all'unanimità dei "Funghetti di Vico".

Nel 2006 da un'interessante ed originalissima idea di Fausto Pagliughi, nacque il primo vero spettacolo: "Vico è l'ombelico del mondo".
Il copione esigeva costumi colorati, esotici, movimenti coreografici più elaborati e quindi un allestimento più impegnativo; senza contare la mia inclinazione a trasformare ogni forma di spettacolo in musical, la forma espressiva a me più congeniale per la completezza della struttura: canto, ballo e movimento.
Fu così che lo spettacolo venne rappresentato al Salone di Vicosoprano ed iniziò la collaborazione per le scene ed i costumi di Barbara Traversone.
Inutile dire che fu un grande successo: il Salone era pieno e le famiglie dei piccoli artisti avevano trovato un modo "sicuro, divertente e perché no anche istruttivo" di impegnarli durante le vacanze.

Per il 2007 scelsi una sceneggiatura piuttosto impegnativa: "Sogno di una notte di mezza estate" di William Shakespeare, riadattandolo su misura per i piccoli interpreti.

Grease

Grazie alla continuativa collaborazione di Sara Pecorella per la fonica e l’aiuto regia e di Barbara Traversone per le scene ed i costumi, riuscimmo a ripetere il successo dell’anno precedente, tant'è che replicammo su esplicita richiesta dell'assessore Enzo Squeri a Santo Stefano d'Aveto.

Nel 2008 invece ho deciso di mettere in scena un musical completo tratto dal film americano "Grease".
Dopo averne riscritto l'adattamento con alcune variazioni che tengono conto dei piccoli attori e del pubblico, stiamo ora ultimando le prove, in un clima di entusiasmo e anche di positivo e costruttivo fermento in vista di un triplice debutto: Vicosoprano, Alpepiana e Santo Stefano.

Ringrazio le famiglie di Vicosoprano per la disponibilità e l'ospitalità e alcune delle mamme dei "miei" attori, la cui collaborazione durante le prove è davvero indispensabile.
Ma soprattutto ringrazio Fausto Pagliughi, che da subito ha creduto nella validità della mia iniziativa e con grande amicizia e competenza ci ha sempre sostenuto e aiutato.

 

Documenti che contengono materiale fornito dalla Compagnia teatrale 'I funghetti di Vico':



Pagina pubblicata il giorno 8 agosto 2008 (ultima modifica: 13.08.2008), letta 5540 volte