Valdaveto.net > Flora della Val d'Aveto > Compositae  link esterno > Artemisia verlotorum




Artemisia verlotorum

scheda a cura di Giorgio Venturini (sito web: www.giorgioventurini.net  link esterno )
fotografie di Giorgio Venturini

Composita. Il nome Artemisia deriverebbe da Artemide (Diana, protettrice delle vergini) o dalla Regina Artemisia, che per prima avrebbe scoperto le proprietà ginecologiche di queste piante, cui si attribuivano proprietà emmenagoghe (si pensava potessero far comparire le mestruazioni).
Verlotorum per i fratelli Verlot, botanici francesi dell'800.
Pianta eretta, fino a 120 cm, comune lungo le strade.
Sotto le radici della pianta, nella notte di San Giovanni, si celerebbe un carbone capace di proteggere dai fulmini.
Da piante dello stesso genere si ricava l'Assenzio e il Genepy.

fotografie scattate in località:  Rezzoaglio
periodo:  agosto

Artemisia verlotorum (click per ingrandire l'immagine)Artemisia verlotorum (click per ingrandire l'immagine)
Artemisia verlotorum (click per ingrandire l'immagine)Artemisia verlotorum (click per ingrandire l'immagine)
Artemisia verlotorum (click per ingrandire l'immagine)Artemisia verlotorum (click per ingrandire l'immagine)


Pagina pubblicata il 1° maggio 2006, letta 7376 volte
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare così ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.