Oenothera biennis

scheda a cura di Giorgio Venturini
fotografie di Giorgio Venturini

Enoteracee (Onagracee). Oenothera deriva dai termini greci oinos (vino) e theros (belva). Secondo Plinio e Galeno la radice di una pianta simile a questa ha l'odore del vino e calma le belve più feroci.
Il termine onagracee deriva da onagro, asino selvatico, per la forma delle foglie simile alle orecchie dell'asino.
Pianta vistosa ed eretta (fino a 150 cm), poco ramificata, bienne.
Foglie opposte, lanceolate, fino a 15-20 cm.
Originaria del nord dell'America, naturalizzata; è comune lungo fossi e strade.
Il genere Oenothera è un caposaldo della storia della biologia. Gli studi di De Vries sul colore dei fiori di una Oenothera aprirono la strada alla comprensione del fenomeno della mutazione.

fotografie scattate in località:  Rezzoaglio, Circeo
periodo:  agosto (Rezzoaglio), settembre (Circeo)

Oenothera biennis (click per ingrandire l'immagine)Oenothera biennis (click per ingrandire l'immagine)
Oenothera biennis (click per ingrandire l'immagine)Oenothera biennis (click per ingrandire l'immagine)
Oenothera biennis (click per ingrandire l'immagine)Oenothera biennis (click per ingrandire l'immagine)
Oenothera biennis (click per ingrandire l'immagine)


Pagina pubblicata il 3 giugno 2006, letta 4953 volte
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare così ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.