Valdaveto.net > Itinerari, sentieri, escursioni e ciaspolate > Itinerari ad anello tra Ventarola e il Monte Ramaceto




Itinerari ad anello tra Ventarola e il Monte Ramaceto

di Giorgio Venturini
fotografie di Giorgio Venturini

Ventarola è uno degli abitati più caratteristici della Val d'Aveto: per raggiungerlo occorre imboccare il bivio in prossimità di Parazzuolo sulla strada della Val d'Aveto.
Da Ventarola partono diversi sentieri seguendo i quali è possibile

  • raggiungere il Monte Ramaceto (1345 metri) oppure
  • percorrere interessanti anelli che si collegano all'Alta Via dei Monti Liguri.

Segnalo che l'Ente Parco dell'Aveto sta provvedendo, a Ventarola, al restauro di una vecchia casa per adattarla ad ostello (nota: l'inaugurazione del Rifugio Ventarola si è tenuta il giorno 26 dicembre 2008: per maggiori info consultare questo documento).


Lasciato il proprio mezzo di trasporto presso il comodo parcheggio che si incontra poche decine di metri prima del paese, passando tra vecchie abitazioni raggiungiamo il letto del torrente Ventarola.
Una mulattiera (traccia rossa sulla mappa di seguito riportata) attraversa il torrente Ventarola e quindi, seguendo il letto del torrente Liciorno, si dirige verso sud percorrendo ampi pascoli pianeggianti fino a raggiungere il Quadrivio della Crocetta. Qui possiamo scegliere se dirigerci ad est, verso il passo della Crocetta e l’abitato di Acero a sua volta collegato con il Passo della Forcella, oppure iniziare a salire verso il passo di Ventarola Sud o La Bocca di Feia, da cui si raggiunge (in viola sulla mappa) per un ampio crinale erboso il Monte Dente (Cappelletta, bel panorama verso il mare). Proseguendo verso levante per cresta si giunge al Ramaceto. Dal Ramaceto possiamo rientrare per il percorso di salita o proseguire in cresta lungo il percorso dell'Alta Via, sempre ben segnalato, che ci porta al Passo della Crocetta, a pochi passi dal Quadrivio.

Anelli tra Ventarola e il Monte Ramaceto

Ingrandisci l'immagine

Molto interessante è il percorso (traccia blu sulla mappa) che segue il torrente Ventarola.
Uscendo da Ventarola, anziché attraversare il torrente imbocchiamo il sentiero che, verso destra, dapprima lo costeggia e poi ne percorre il letto attraversandolo ripetutamente in un ambiente di grande bellezza. A circa 1.5 km dal paese incontriamo sulla destra un bivio per il Monte Roncazi (1015 metri), segnalato da una scritta su un grosso faggio. Il sentiero risale la bellissima valle creata da un affluente del Ventarola e infine raggiunge un piccolo pianoro dove troviamo le segnalazioni dell'Alta Via ed i Casoni di Arena, vecchie affascinanti costruzioni in pietra a secco.

I Casoni d'Arena

Dirigendoci ora verso sinistra (direzione sud) seguiamo il percorso dell'Alta Via, tenendoci prima a est della cresta a poi percorrendola, fino a raggiungere il Passo di Ventarola Nord.
Dal passo possiamo

  • scendere verso Ventarola (traccia blu sulla mappa) percorrendo la valle del torrente attraverso ambienti di grande bellezza fino a ritrovare prima il bivo per il Monte Roncazi e poi il paese, oppure
  • continuare per cresta (traccia rossa sulla mappa) fino al Passo di Ventarola Sud.

Una Salamandra pezzata incontrata lungo la valle del Ventarola

Dal Passo di Ventarola Sud potremo scendere verso il Quadrivio della Crocetta o ancora proseguire fino alla Bocca di Feia (traccia verde sulla mappa) da dove partono una mulattiera che scende al Passo della Crocetta e un sentiero che raggiunge (traccia viola sulla mappa) l'ampia dorsale erbosa che conduce alla vetta del Monte Dente e poi a quella del Ramaceto.



Prossimi eventi:

Nessun evento da segnalare per i prossimi 120 giorni

 


 

Links



Pagina pubblicata il 5 maggio 2007 (ultima modifica: 08.07.2014), letta 21280 volte
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare così ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.