Ipotesi relativa all'origine del toponimo Genova

di Sandro Sbarbaro

A distanza di circa cinque anni dall'intuizione di allora mi accingo a pubblicare una mia valutazione sull'origine del toponimo Genova.
Nel 2003 non ebbi il coraggio di pubblicare la mia ipotesi sull'origine del toponimo Genua perchè temevo di suscitare risentimento.
Per anni si era portata avanti la tesi che il toponimo Genova derivava, secondo una ricostruzione aulica delle origini, dall'espressione medievale Janua, cioè Porta.
Genova era intesa dunque come Porta del Mediterraneo.
Tesi affascinante, ma poco incline a rendere il termine secondo la toponomastica.

La mia ipotesi non vuol essere la verità assoluta circa l'origine del toponimo, ma un tentativo di capire. Si fonda sul presupposto che la maggioranza dei toponimi italici hanno origine latina.
Spesso anche nel termine dialettale che indica un toponimo o un nome sussistono radici latine.
Così per l'area genovese

- Genua sarà Zena, con la caduta di alcune vocali,
- Gioannes (Joannes), sarà Zuane, o Zane,
- Genuensem sarà Zeneise.

Rammentiamo, inoltre, che nel mondo anglosassone Genova si dice Genoa, secondo la radice latina.
Riproduciamo ora il senso di ciò che stendemmo anni fa, quale omaggio di un cittadino genovese alla sua città.

 

Ieri, 27 novembre 2003, leggendo il testo di Piero Ottonello "L'esordio cistercense in Italia - Il mito del deserto, fra poteri feudali e nuove istituzioni comunali (1120 - 1250)", ECIG, Genova 1999, a pag. 136 mi imbattei nella frase: "[...] Sono diversi, infatti, i momenti in cui è prescritto che i mortariensi prosternant se in terra oppure che si dispongono a pregare supra genua curvati."
Subito mi è balzato agli occhi che in latino genua volesse dir ginocchia.
E mi son detto: "Possibile che fior di studiosi, riguardo all'origine del toponimo Genua - Genova, abbiano avallato ipotesi complicate, mentre era lì alla loro portata la risposta alle loro elucubrazioni?"
I latini probabilmente chiamavano Genova con un nome appropriato, data la forma dei piccoli golfi sui quali era affacciata allora la città che assomigliavano a un ginocchio, o a ginocchia.
Quindi Genua ovvero Genova".

Schizzo del primigenio insediamento di Genova, posto probabilmente intorno alla spiaggia del Mandraccio, che sembra assumere la forma di un ginocchio

Nella stesura primigenia considerai Genova come ginocchio del Golfo Ligure, che vagamente assomiglia ad un arto inferiore.
Circa un anno dopo ad una lezione del prof. Tiziano Mannoni presso l'Istituto Internazionale di Studi Liguri riguardante gli insediamenti medievali a Genova lungo l'area del Molo e poi della Ripa, ebbi modo di valutare, attraverso una riproduzione cartografica, che il piccolo golfo su cui sorse il Molo poteva essere comparato con la forma di un ginocchio, in opposizione ve n'era un altro.
Ne parlai all'amico Gianni Ferrero, al quale già avevo esternato la mia intuizione, ma decisi di non rivelare nulla nell'attesa di tempi migliori.
Ora a distanza di tempo, considerato che la vita non è eterna, mi accingo a fare il "gran passo" sperando che serva a suscitare un rinnovato interesse sull'origine del toponimo Genua - Genova.

 


 

Links



Pagina pubblicata il 12 febbraio 2008, letta 3580 volte
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare così ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.