Valdaveto.net > Poesia > Tito Dodero, poeta dialettale 'boccadazin'




Tito Dodero, poeta dialettale 'boccadazin'

di Sandro Sbarbaro

Grazie all'amico Giovanni Ferrero, ho ricevuto in dono un agile libretto risalente al 1975 ed intitolato "Tito Dodero poeta dialettale boccadazin" [1].
Il libretto di poesie reca un'introduzione di Aldo Agosto ed illustrato da valenti pittori genovesi quali Giacomo Picollo, Enrico Novali, Giovanni Ferrero, Dario Re, Rino D'Anna.
Dal libretto mi piace estrapolare alcune brevi note e due poesie: BOGGIASCO e 'NA DOMENEGA D'AEGUA IN CAMPAGNA.

Il poeta Tito Dodero, colui che, nel suo incantevole Boccadasse, "ha sempre soccorso i poveri" e, durante i bombardamenti aerei di Genova "tenne aperta la porta di casa sua a tutta la popolazione" riposa da vent'anni nella pace verzicante e silente di Staglieno.
Un vecchio marmo inciso rammenta di lui:
Autentico ligure d'ogni virt fece tesoro e le profuse senza risparmio.

Boggiasco

In questo giorno cosc splendente
Comme l' bello in riva a-o m
God un spettacolo de s lxente
Gust a salseggine de l'aia main
Che co-i profummi de fiori e limon
A ve rescia i vostri polmon

Comme t' bello a co Boggiasco
C doe t clima de ste costante
C generoso t vin de fiasco
T' 'na vea perla, t' un diamante
Tanto corteisi son i tu abitanti
Molto graziosi i tu villezzanti

Ghe vu 'n'Angiou a cant a t bellezza
Perc a me cetra a l' insufficiente
Ghe manca l'estro, a no l' a l'altezza
Ciammi l'aggiutto de l'ex Prescidente
Che comme un Tascio nonch Torquato
O-a s piggi in basso e in ato.

Ben spallezzu da-o cao Paolin
Che co su naso quexi Dantesco
O ghe spicchi primma in latin
Con ton serio e poi burlesco
O-a declami con forsa d'arte
E a perfescion o fai a su parte.

Tutto contento l'ex Prescidente
d'ese cosc ben appoggiu
Un nuvo ard in chu o se sente
Cantando finn-a da perde o sciu

O paghia 'na bottiggia e finn-a un fiasco
sbraggaindo Evviva... EVVIVA BOGGIASCO.

Boggiasco

Boggiasco di Giovanni Ferrero

'Na domenega d'aegua in campagna

Comme l' bello trovase in campagna
Quande ciuve z a dero
Quande o o no se stagna
E che a da de sego

Sempre in casa confinu
Finch o s o no sciorte fua
Me p d'ese imprexonu
Comme o pin de 'na nissua

Agueite ogni momento
Da'n barcon se cessa l'egua
Sempre a ciocca, sciuscia o vento
E pe znta no ho de pegua

Perch o scopo da campagna
O l'ea pe l'aia bonn-a e o s
E pe and sci pe-a montagna
Serva o bacco e o paras

E con questo tempo matto
De saette lampi e tron
No vedde pe-a stradda un gatto
Se o paghesci un maranghin

Go pe-a casa comme un nescio
E arraggiu comme un can
Voe dorm ma sei adescio
Che ve mangia comme o pan

Tante mosche impertinenti
Che ve sssan a ci no d
Senza tanti complimenti
No ve lascian ci dorm

Pense solo a o mangi bon
E vorriesci ogni momento
Disn pronto e colazion
Questo o diggo in me zamento

V'ha provvisto o maxell
Unna trippa de vitello
Che ben chutta e accomod
Con bittiro bon de quello

A ve scampa a ve repiggia
Con un gsto de pignu
O l' un piato de Faggia
Bon pe-i grendi e pe-i figgiu

Pe protesta de questo tempo
Mi che beivo San Pellegrin
Bevi invece pe passatempo
De bon barbera un bello gottin.

Aegua in campagna

Aegua in Campagna di Giovanni Ferrero

Note

[1] Tito Dodero poeta dialettale boccadazin. Poesie 1900 - 1945, Editrice Liguria, 1975.

 


 

Links



Ogni poesia protetta dalle norme internazionali sul copyright tutti i diritti sono riservati
Pagina pubblicata il 18 febbraio 2006, letta 3963 volte

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare cos ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.