Le baracche dei carbunin

Da una conversazione (estate 2000) con Michele di Casanova di Rovegno

di Sandro Sbarbaro

I "carbunin", ossia gli stagionali fabbricanti di carbone, vivevano in baracche di legno con i tetti tamponati da foglie, argilla e zolle di terra. Le zolle, quando pioveva, venivano ben schiacciate per evitare che l'acqua penetrasse.
Infine, i carbunin più benestanti, usarono qual isolante la carta catramata stesa sui tetti.
Le ultime baracche vennero costruite a legni incrociati, sul tipo di quelle dei pionieri Americani.
I carbunin dormivano su strati di muschio o foglie, oppure sulla paglia.
I Toscani erano i più onesti, ovvero non bagnavano il carbone per farlo pesare di più, quindi si potevano mandare a fare la stagione vicino a dei corsi d'acqua tranquillamente.
Le loro donne erano delle abili "segantine" e tutto il giorno maneggiavano il "serrone" per segare gli alberi.
I Veneti, benché si recassero spesso a messa e non bestemmiassero come i toschi, al contrario erano "ladri" e rubavano sul peso bagnando il carbone.
I Bergamaschi ed i Bresciani erano i più "sporchi".
Andare nelle loro baracche significava caricarsi di "prùsce", ovvero pulci, e "lèndene", ovvero pidocchi.
Se facevano il carbone in punti ventilati i poveri carbunin vedevano bruciare più di una carbonina, a causa della troppa ossigenazione.
Si racconta che una donna di un carbunin veneto venne a Casanova di Rovegno col marito ed i figli piccoli. I figli li lasciò all'ostessa (madre di Michele) fintanto che ella e suo marito avessero costruito la misera baracca nel bosco.
I bimbi piccoli ben presto come si dice in gergo "si sporcarono", ovvero si fecero la cacca addosso.
Nel fagotto, che la donna veneta aveva lasciato all'osteria, vi erano povere robe e neppure un "cambio" per i piccini.
L'ostessa si mise a tagliare dei panni per i bimbi, poi fece il giro delle case e tutti donarono qualche cosa per i piccoli carbunin.
Al ritorno la madre esclamò: "La Madonna mi ha concesso una grazia!"
Commossa volle ringraziare i paesani.
La stagione dei carbunin andava da maggio ad ottobre e il taglio del bosco era regolato da precise norme, che talvolta venivano disattese a seconda dell'onestà o della disperazione dei contraenti.

 


 

Links



Pagina pubblicata il 4 maggio 2005, letta 4557 volte dal 23 gennaio 2006
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare così ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.