Poesia della Val d'Aveto

di Sandro Sbarbaro

Ca' rtteghe

"Gh'en sulu ca' rtteghe..."
U dixe u "paisn"
P scs l'insltu da istoia

"Sun sulu ca' rtteghe"
Ma di vgi sun a nostra
E a Vostra memoria

Gente d'Aveto

Tristi
messorie abbandonate,
marchiate "man mutta",
ricordano Voi.
Inginocchiati su questa terra,
quasi a pregare,
per il pane quotidiano.

Me pre muratt

Me pre muratt
u ghe criia de tuttu dar
E mre e feiu finta de ne cap
L cun in baccu u curra
"Ora v'aggiustu m!"
E bestre e buttezzeiu
de ch e de l
Poi e trueiu a str
pe' turn a c



Ogni poesia protetta dalle norme internazionali sul copyright tutti i diritti sono riservati
Pagina pubblicata il 15 settembre 2005, letta 6300 volte dal 23 gennaio 2006