Valdaveto.net > Flora della Val d'Aveto > Compositae  link esterno > Taraxacum officinale




Taraxacum officinale

Tarassaco, dente di leone, soffione

scheda a cura di Giorgio Venturini (sito web: www.giorgioventurini.net  link esterno )
fotografie di Giorgio Venturini

Composita. Taraxacum deriva dal nome arabo della cicoria: tharakchakon.
Fiori solitari, con le brattee esterne riflesse verso il basso e le interne erette. I semi maturi vengono trasportati dal vento.
Fusto senza foglie.
Foglie riunite in rosette basali, seghettate, a larghi denti.
Prati, margini delle strade.
Le foglie giovani sono commestibili, simili alla cicoria.
In certe zone d'Italia il taraxacum officinale è detto anche "piscialetto" (ai bambini si era soliti raccontare che chi lo avesse colto alla notte avrebbe fatto i "bisogni" nel letto).

fotografie scattate in località:  Rezzoaglio
periodo:  maggio

Taraxacum officinale (click per ingrandire l'immagine)Taraxacum officinale (click per ingrandire l'immagine)
Taraxacum officinale (click per ingrandire l'immagine)Taraxacum officinale (click per ingrandire l'immagine)
Taraxacum officinale (click per ingrandire l'immagine)Taraxacum officinale (click per ingrandire l'immagine)
Taraxacum officinale (click per ingrandire l'immagine)

Taraxacum officinale



Pagina pubblicata il 1° maggio 2006, letta 7787 volte
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare così ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.