Valdaveto.net > Usi, costumi, tradizioni, racconti e leggende > Proverbi, filastrocche e detti popolari




Proverbi, filastrocche e detti popolari

materiale raccolto da Piero Campomenosi e Sandro Sbarbaro

Nre fatte a pan, se ne piue anchu, piue duman

Nuvole fatte a pane, se non piove oggi piove domani

In pummu marsu u in guasta entu

Una mela marcia ne guasta cento

Chi sent di lamenti, ch'u vagga a tru i manenti

Chi vuol sentire lamenti vada a trovare i mezzadri

L'acqua a fa lbi e mragge

L'acqua fa crollare i muri

Quande a rocca a erca u fsu, u n' guaeri in bellu su

Quando la rocca cerca il fuso non mica tanto un bell'uso.

Caterina fatti bella (antica filastrocca avetana)

Testo incompleto trasmesso da Marino Cella di Cabanne d'Aveto 1

Caterinn-a fatte bella
D'in curdun d'inn-a curdella
Che t pre u t'u mai
In te feste de Den

U t'u da u Rangu de Soeggiu
Mamma mia! Mi nu l'oeggiu

Piggilu, Piggilu! Che l' riccu
U gh' inn-a ca' de trei sur
U gh' p ratti che din

U gh' a paggiazza sutta a banca
Figgia mia cose te manca?

U gh' inn-a vacca e inn-a manzura
Trei din in ta bursoera
U gh' trei fighi sutte ca'

Un l' seccu e l'atru u nu f
L'atru l' in figu beccaluzzu
Che gh'oxelli i lu beccu tuttu...

Caterina fatti bella
Con un cordone o una cordella 2
Che tuo padre ti vuol maritare
Nelle feste di Natale

Ti vuol dare allo Storpio di Soglio
Mamma mia! Io non lo voglio.

Prendilo, prendilo! Che ricco
Ha una casa di tre solai 3
Ha pi ratti che denari

Ha il pagliericcio sotto la panca
Figlia mia cosa ti manca?

Ha una vacca e una manzetta
Tre denari nel borsellino
Ha tre fichi sotto casa

Uno secco e l'altro non fa
L'altro un fico beccaluzzo
Che gli uccelli beccan tutto...

Filastrocca avetana

Oh! Mai Dio, non fallire - Fa pi bene lasciar dire
Lascia dire a chi ti vuole - Oh! Mai Dio, da buon cuore
Da buon cuore - Da bunna vusce
Oh! Mai Dio, sulla crusce
Sulla crusce la colonna - Oh! Mai Dio, la Madonna
La Madonna incoronata - Oh! Mai Dio, la Beata
La Beata mont in cielo - Oh! Mai Dio, San Michele
San Michele crocefisso - Oh! Mai Dio, il Paradiso
Il Paradiso l' dei Santi - Oh! Mai Dio, a tutti quanti
Il tempo passa la morte viene - Beati quelli che hanno fatto bene
Abbiam fatto bene pure noi - Canta - canta rose e fiori
Ch' nato nostro Signore a Betlemme
In mezzo a un bue e un asinello - Non c' fasce ne mantello
Per fasciare Ges bello - Ges bello Ges d'amore
Per fasciare nostro Signore
Ina bella presa sull'at - Ina bella messa fu cant
Fu cant da nostro Signore - Ges Cristo dipinto sulla croce
Crocettina tanto bella - Liscier da cielo in terra
Cinque piaghe la mostrer - Chi la s e chi la discie
Diu ghe dona u Paradisu
Chi n'a s e chi n'a cerca d'impar
All'urtimu du Giudiziu
Ma' pentiu se truer.

Sant'Antoniu gran freddura, San Lurenzu gran cadura
Tra l'un e l'atru pocu a dura.

Sant'Antonio gran freddura, San Lorenzo gran calura
Tra l'uno e l'altro poco dura (passa poco tempo).

Ninna nanna avetana

Testo trasmesso da Marino Cella di Cabanne 4

Bga Tambga
U Martin l' anu in ta' crsa
A mangi pan e pesci
Ma a mi u nu me ne allga
U l'allga a u s cump
Ch' lu porta a battezz
U l' porta a battezz
In su nu munte de Turtunn-a
Unde cresce l'erba bnn-a
Erba bunn-a rizzulinna
Fa cant a rundaninn-a
Rundaninn-a teitu a teitu
Porta l'iu a San Benitu
San Benitu l' u nu l'
U lu porta ai s figgi
I se figgi nu l'eru mancu
u lu porta au Spiritu Santu
u Spiritu Santu u lu piggia
u lu mette in ti n' buttiggia
lampa lampetta u Segn in t' cameretta
a Madonna in zennugiun.
Oh! Che bella oraziun.


Bga Tambga
il Martino andato nella crosa
a mangiare pani e pesci
ma a me non me ne alloca
li mette da parte per il suo compare
che lo porta a battezzare
lo porta a battezzare
sul monte di Tortona
onde cresce l'erba buona
Erba buona ricciolina
che fa cantare la rondinina
rondinina tetto a tetto
porta l'olio a San Benedetto
San Benedetto lui non lo vuole
Lo porta ai suoi figlioli
I suoi figlioli non lo vogliono manco
E lo porta allo Spirito Santo
Lo Spirito Santo lo piglia
E lo mette in una bottiglia
Lampa, lampetta il Signore nella cameretta
La Madonna in ginocchion
Oh! Che bella orazione

A San Lurenzu... l' anch a tempu
A San Roccu... l' st troppu
A San Bertum... ne gh' p mest

A San Lorenzo... si ancora a tempo (a fare i lavori nei campi)
A San Rocco... gi passato troppo tempo
A San Bartolomeo... non si pu far pi nessun mestiere

Pie e liscie u s, l' a rabbia di past
I past se fan a suppa e a vacca a gh'a mangia tutta

Piove e luccica il sole, la rabbia dei pastori
I pastori si fanno la zuppa e la vacca gliela mangia tutta

Pe' Santa Catterin-a e vacche in ta' cascin-a.
Lighela ben, lighela ma'... Pe' sei meisci a ghe deve st.

Per Santa Caterina le vacche (riparatele) nella cascina.
Legatela bene, legatela male (la vacca)... per sei mesi qui deve stare.

Chi ne gh' d'avant s'avanta dapperl
Chi s'avanta s'inciampa chi se loda s'imbroda

Chi non ha chi lo vanta, da solo si vanta
Chi si vanta s'inciampa e chi si loda s'imbroda

San Culumban cun a nie in man

San Colombano ha la neve in mano

 


 

Note

[1] Le scansioni sono state liberamente interpretate da Sandro Sbarbaro in base alla rilettura del testo, dal quale si evince un duetto fra madre e figlia; nella traduzione del testo le risposte della figlia sono riportate in blu
[2] Un tempo le collane d'oro o d'argento erano fatte a mo' di cordone, sul tipo della produzione di Campoligure (Genova)
[3] Avere a quei tempi una casa di tre solai era sinonimo di ricchezza. Le case normali avevano solo un solaio oltre il piano terreno adibito a stalla
[4] Testo trasmesso da Marino Cella di Cabanne e trascritto da Sandro Sbarbaro

 


 

Links



Pagina pubblicata il 20 dicembre 2004 (ultima modifica: 14.06.2008), letta 21360 volte dal 23 gennaio 2006
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare cos ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.