Antiche tradizioni

di Sandro Sbarbaro

 

Il giorno di S. Antonio abate

Il giorno di S. Antonio abate... una vecchia tradizione voleva che le bestie fossero legate intorno alla chiesa ove si cospargeva del sale, che il sacerdote poi benediceva assieme agli animali.
Il sale benedetto era poi raccolto e sciolto nel beverone che si preparava nella stalla al ritorno dalla cerimonia e con ciò si sperava in un'annata meno grama nella stagione che andava ad iniziare.
Una bestia in salute era la vita per i membri della 'casa' che la possedeva.
I simboli sacri della croce si trovano sopra i portali delle stalle, e quasi mai sulle porte delle case dei contadini.

 

Grano saraceno

Era uso nelle nostre vallate che i contadini che dovevano prendere il grano in prestito dal padrone, rendessero poi una quantità di frumento che dipendeva dal numero dei mesi che erano trascorsi tra la 'prestanza' ed il raccolto.
Così era ben presto invalsa (secondo Roberto Focacci) l'abitudine di ricorrere al grano saraceno, detto 'gran Marzé': questo, infatti, maturando verso marzo anziché a giugno, permetteva di risparmiare sul tributo dovuto anche se la qualità dei chicchi non era eccelsa.

 

La filatura della lana

I nostri vecchi filavano la lana tramite l'antico sistema dei 'fusi' e delle 'rucche'.
La lana grezza, ottenuta dalla tosatura delle pecore, era posta su un bastoncino lungo 70 - 80 cm. (detto 'rucca') che presentava una fessura allargata tramite delle 'stecche' di legno.

 Filatrice avetana

Dalla 'rucca', tenuta dalla filatrice sotto l'ascella sinistra, si sfilacciava man mano il batuffolo di lana creando un filo che si annodava al 'fuso' (una sorta di rocchetto di legno a forma allungata).
Il fuso, fatto girare da un movimento repentino della mano della filatrice, faceva attorcigliare i fili grezzi di lana creando un insieme compatto e robusto, il vero e proprio 'filo di lana'.
Il filo, avvolto poi sul fuso, era in seguito posto sull'aspo (una specie d'asse con alcuni pioli) per farne matasse pronte per essere trasformate in calzini e maglioni.

 


 

Links



Pagina pubblicata il 20 dicembre 2004, letta 7538 volte dal 23 gennaio 2006
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare così ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.