Valdaveto.net > Usi, costumi, tradizioni, racconti e leggende > La sig.ra Benedettina Biggio mostra la filatura tradizionale della lana mediante l'utilizzo del fuso e dell'arcolaio




La sig.ra Benedettina Biggio mostra la filatura tradizionale della lana mediante l'utilizzo del fuso e dell'arcolaio

Due brevi filmati in formato .mov e .avi

di Sandro Sbarbaro
documento contenente testo tratto da Wikipedia  link esterno , pubblicato nei termini della GNU Free License  link esterno

La signora Benedettina Biggio di Priosa d'Aveto, detta Tina, mostra in due brevi filmati l'antica arte della quale è depositaria: la filatura tradizionale della lana sia mediante l'utilizzo del fuso, sia mediante l'utilizzo dell'arcolaio.

Un poco di storia.
Per "filatura tradizionale" si intende l'insieme delle operazioni che è necessario svolgere al fine di trasformare la fibra naturale (in questo caso la lana) in filato.
Per trasformare una massa di fibre in un filato è indispensabile l'operazione detta di "torcitura". Per torcere le fibre tessili i primi attrezzi utilizzati dall'uomo furono le mani.
Il lavoro di torcitura, a causa della sua lunghezza e complessità, già nel neolitico iniziò ad essere eseguito con l'aiuto di un fuso. Del tutto identico al modello ancora oggi usato in sud America ed in Africa, il fuso dell'antichità era formato da un bastoncino infilato in un tondino forato largo tra i 4 ed i 6 centimetri. La rotazione impressa, prolungata dall'effetto centrifugo del tondino, torce le fibre che, legate al fuso, vengono ad accumularsi sul bastoncino sotto forma di filato.
Il fuso usato in Europa (in coppia con la conocchia o rocca) aveva forma affusolata ed era costruito generalmente in legno tornito con le estremità appuntite e il centro panciuto.

Filare costituiva, un tempo, un lavoro che occupava considerevoli fette di popolazione, in particolare le donne ed i bambini: a fronte di ciò la produzione di un alacre filatore poteva consistere in pochi etti di filato al giorno.
L'esigenza di velocizzare la lavorazione portò così alla costruzione di apparecchi in legno che, azionati da un pedale, sveltirono notevolmente la produzione. Fu nel medioevo che si iniziò ad usare questo apparecchio chiamato arcolaio, filerina o filatoio.

Nella metà del XVIII secolo, con la rivoluzione industriale, si avviò la vera e propria meccanizzazione della filatura.
La tecnica del fuso, comunque, venne utilizzata nelle campagne europee ancora fino all'inizio del XX secolo, soprattutto dalle donne che pascolavano le greggi: ciò perchè, essendo di poco ingombro e quindi utilizzabile ovunque, il fuso consentiva loro di filare anche all'aperto.

Arcolaio

Ingrandisci l'immagine

Nei seguenti brevi filmati la signora Tina, utilizzando il fuso (primo video, 3.3 MB, 21 secondi) e l'arcolaio (secondo video, 18 MB, 78 secondi), mostra come trarre dalla lana grezza il filato che in un secondo tempo potrà essere utilizzato per la produzione, ad esempio, di scappin (calzini) e maglioni.

Click per scaricare il video

Click per scaricare il video

 


 

Links



Pagina pubblicata il 22 giugno 2007 (ultima modifica: 20.07.2007), letta 17431 volte
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare così ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.