Valdaveto.net > Il territorio della Val d'Aveto e delle valli limitrofe > Rezzoaglio e i suoi beni artistico culturali




Rezzoaglio e i suoi beni artistico culturali

di Sandro Sbarbaro

Il comune di Rezzoaglio presenta diverse emergenze storiche che - per incuria - sono poco segnalate o in stato di abbandono.

Il villaggio di Ventarola, antico paese di transito di carovane che giungevano al passo omonimo da Rapallo e dalla Riviera di Levante, è in stato di degrado, ma le sue antiche pietre suscitano ancora struggente interesse nel meriggio autunnale. Alcuni accorti restauri sembrano invertire la passata tendenza.

Il paese di Cabanne, presenta qui e là alcune vestigia dell'antico passato quando era una delle capitali dello "Stato" dei signori Della Cella. Rimane il palazzotto d'impianto seicentesco, alcuni portali con inciso il millesimo e la croce, e le due tele del Lanfranco nella baroccheggiante chiesa di san Bernardo Abate.

Interessante è il cosiddetto monastero di Villa Cella, presso la località omonima, che si dice fondato nel 1103. Ora non restano che miseri ruderi in abbandono. L'arrugginita ruota del mulino diruto, che pare insista su parte dell'edificio monastico, simbolo del luogo, sembra essersi fermata con la vita che non è più.

Abbarbicata su un pianoro che pare scivolare in Aveto è la villa di Costafigara, alcune case di pregio ancora in pietra a vista, raggruppate intorno alla casa con torre al centro del paese, sembrano voler indicare al viandante distratto che la "civiltà dei monti" era cosa seria.

Più oltre è Molini, con l'antico mulino seicentesco, che sebbene dismesso almeno dagli anni Sessanta, presenta al suo interno un interessante campionario di strumenti da mugnaio e di civiltà contadina. Alcune case della villa risalenti al primo Ottocento sono di pregio.

A Rezzoaglio interessante è il campanile in pietra a vista della chiesa parrocchiale di San Michele che risale al 1769, tranne che l'elevato della torre campanaria.

Presso Rezzoaglio sull'ansa che forma l'Aveto in località Megòia sono i ruderi di un antico villaggio abbandonato, più in alto è il cosiddetto castello, ovvero i ruderi di un complesso fortificato risalente forse alla seconda metà del 1200, scoperti da Sandro Sbarbaro nel 2001.
Il tutto meriterebbe miglior sorte e le indagini stratigrafiche necessarie per avere conferme o smentite.

Sopra l'antico Rezzoaglio in località "Posà" o "Prè grise" sono i ruderi della cosiddetta "Casa dei Galli". L'edificio presenta alcune caratteristiche architettoniche di pregio, già dogana fu probabilmente un edificio appartenuto ai Della Cella, signori di Rezzoaglio.
Il prato antistante è famoso perché, secondo lo storico G. Fontana, fu teatro dell'uccisione del famigerato bandito Crovo nel 1543.

Fra Villa Rocca e Villanoce immerso in un paesaggio a tratti fiabesco è il Mulino di Antonio, o dei Bachicchi.
Il sovra-porta del portale è datato 1789, l'interno è ancora in buono stato; purtroppo le pale delle ruote a "terragnina" che azionavano le macine, in specie quelle della ruota in legno sono marcite, le pale della ruota in ferro sono - ahimè - arrugginite.

Di buona fattura è il ponte di Alpepiana. Costruito su quattro arcate nel 1789 a spese del Principe Doria, fu interessato da una piena dell'Aveto che distrusse le due arcate poste sul fiume. Fu ricostruito ad un solo fornice nel 1832. Ora viene attraversato dalla strada provinciale con carichi non certo consoni al progetto iniziale.

 


 

Links



Pagina pubblicata il giorno 8 giugno 2009, letta 2596 volte
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare così ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.