Valdaveto.net > Eventi e manifestazioni > Archivio eventi (anno 2005) > San Fermo in Val Vobbia, ovvero il 'parco delle stelle'




San Fermo in Val Vobbia, ovvero il 'parco delle stelle'

a cura della Pro Loco di Vobbia

La località di San Fermo, in Val Vobbia, è una località che si presta all'attività di osservazione del cielo notturno e delle stelle.
I motivi che consentono di affermarlo sono i seguenti:

  • assenza di inquinamento luminoso,
  • possibilità di raggiungere la località con mezzi di trasporto e quindi con i telescopi mobili,
  • skyline di quasi 360° grazie all'assenza di ostacoli fisici vicini che delimitino la visuale.

Si può pertanto affermare che San Fermo è un sito naturale per l'osservazione

 Pro loco Vobbia

classificabile come "parco delle stelle" secondo la terminologia utilizzata dall'Osservatorio Serafino Zani di Lumezzane (per maggiori informazioni consultare il sito www.bresciascienza.it  link esterno ).
La località di San Fermo avrebbe pertanto l'ambizione e le caratteristiche per essere riconosciuta come tale.

La scoperta dell' idoneità dell'osservazione delle stelle della località è stata effettuata dallo staff dell'Osservatorio Astronomico del Righi di Genova a seguito dell'invito ricevuto dalla Pro Loco della Val Vobbia per un serata di osservazione programmata per l'estate del 2004.
La serata ha avuto un grande successo di pubblico ed è stato compreso che l'iniziativa poteva essere riproposta ed ampliata.
Per l'attività successiva è stato coinvolto anche il Parco dell'Antola in quanto la località di San Fermo si trova nel territorio del Parco.
L'osservazione delle stelle rappresenta un ampliamento della lettura e fruizione del concetto di parco in quanto accanto all'attività classica proposta (es.: osservazione botanica, faunistica, geologica, ecc.) si può proporre anche quella notturna del cielo in una zona allo scopo idonea.

Da queste considerazioni nasce pertanto la proposta di attività per il corrente anno 2005.
Durante la primavera l'Osservatorio Astronomico del Righi organizza il 1° corso di astronomia osservativi rivolto prevalentemente a un pubblico di neofiti interessati alle "cose del cielo".
Il suddetto corso si svolgerà dal 5 marzo al 4 giugno presso la sede dell'Osservatorio a Genova Righi con due osservazioni programmate anche in Val Vobbia, una a fine aprile e l'altra a inizio giugno.
Inoltre è stato messo a punto un programma specifico di osservazione delle stelle e di attività didattica per l'estate da svolgere completamente in località San Fermo in collaborazione con la Pro Loco della Val Vobbia, il Parco dell'Antola e le istituzioni locali sia della Val Vobbia che della Val Borbera in quanto la località di San Fermo rappresenta lo spartiacque delle due valli e delle province di Genova ed Alessandria.
In particolare le attività didattiche, preliminari e propedeutiche all'osservazione si svolgeranno presso l'agriturismo "il Maggiociondolo" di Dova Superiore in Val Borbera e presso il circolo ACLI di Vallenzona in Val Vobbia con possibilità di pernottare presso la canonica della parrocchia, mentre l'osservazione, con l'ausilio dei telescopi, avverrà presso la cappella di San Fermo.
La cappella di San Fermo è una piccola chiesa di cui si hanno notizie a partire da prima dell'anno mille.
L'auspicio per i prossimi anni è che la località di San Fermo possa essere consolidata nel concetto di "parco delle stelle", in modo da essere frequentata allo scopo, da un numero sempre maggiore di persone, appassionate dall'attività di osservazione e possa avere quelle predisposizioni minime necessarie a fare dell'osservazione una tappa fissa in aggiunta ai motivi per cui ad oggi San Fermo è nota: splendido panorama e crocevia dei percorsi del Parco dell'Antola e dell'Appennino Ligure.

(Vobbia, marzo 2005)

 


 

Links



Pagina pubblicata il 24 aprile 2005, letta 4237 volte dal 23 gennaio 2006
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare così ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.