Valdaveto.net > Articoli e ricerche di carattere storico > Siti di interesse storico: ca' de gh'Osti, ca' de Menun (Parazzuolo)




Siti di interesse storico: ca' de gh'Osti, ca' de Menun (Parazzuolo)

di Sandro Sbarbaro

Nell'ottobre del 1999, mentre mi aggiravo per Parazzuolo (comune di Rezzoaglio) alla ricerca di vestigia storiche, scoprii quasi per caso la "Ca' de gh'Osti" (che tempo dopo trovai, poco leggibile a causa di tratti di muratura residua e macerie ancora da sgomberare, fra le foto d'Osvaldo Garbarino nel libro Monaci, milites e coloni, Genova, 2000) ed appresso, a lato, la "Ca' de Menun": quest'ultima presentava un interessante elemento litico, alto mt. 4,10 per la parte fuoriuscente dal terreno, che io chiamai la stele.

Ca' de Menun

Ca' de Menun

Incontrai il professor Tiziano Mannoni nella vecchia sede dell'Istituto Internazionale di Studi Liguri in Via Balbi (Genova) per mostrargli le foto della "Ca' de gh'Osti".
Traguardando le foto, per la verità non eccezionali, il prof. Mannoni si limiṭ a rilevare che la "Ca' de gh'Osti" era costruita con elementi litici di buona fattura.

Ca' de gh'Osti

Ca' de gh'Osti: volte

Ca' de gh'Osti: capitello

Nel novembre 1999 inviai al professore uno schizzo, conforme all'originale, che riportava tutte le misurazioni da me effettuate sulla stele.

La stele
Ingrandisci l'immagine

Successivamente alla mia segnalazione a Parazzuolo si aggirarono molti esperti che si attribuivano la paternità della scoperta, mentre nemmeno gli stessi abitanti di Parazzuolo, prima dell'intervento del sottoscritto, avevano mai dato una qualche importanza al sito, un poco decentrato rispetto alle attuali arterie viarie.

 


 

Links



Pagina pubblicata il 6 luglio 2005, letta 5307 volte dal 23 gennaio 2006
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare coś ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.