Rubus idaeus

Lampone

scheda a cura di Giorgio Venturini
fotografie di Giorgio Venturini

Rosacea. Il nome deriva dal termine latino rubus, rosso, e da idaeus con il significato "proveniente dal Monte Ida" (presso Troia) dove, secondo Plinio, la pianta era abbondante: qui Paride pronunciò il famoso giudizio sulle tre Dee (...aggiudicando però mele e non lamponi) guadagnandosi l'amore della più bella donna del mondo, oltre che la guerra di Troia.
Ricercatissimo per il sapore, consumato fresco o in sciroppi o marmellate.
Utilizzato anche per aromatizzare medicinali altrimenti disgustosi che, comunque, rimangono disgustosi peggiorando il sapore del lampone. L'unica eccezione è quella di alcuni sciroppi per la tosse, dolci e profumati al lampone, che attirano molto i bambini i quali, lasciati senza controllo, inghiottono interi flaconi. La punizione per i "piccoli mostri" è data dalla codeina presente nello sciroppo.
Veniva utilizzato l'infuso delle foglie per alleviare i dolori del parto.
Fiori bianchi, fusti eretti, con piccoli aculei... piccoli ma sufficienti!

fotografie scattate in località:  Velino, Rezzoaglio
periodo:  maggio (Velino), agosto (Rezzoaglio)

Rubus idaeus (click per ingrandire l'immagine)Rubus idaeus (click per ingrandire l'immagine)
Rubus idaeus (click per ingrandire l'immagine)Rubus idaeus (click per ingrandire l'immagine)
Rubus idaeus (click per ingrandire l'immagine)

 


 

Links



Pagina pubblicata il 29 gennaio 2007, letta 5999 volte
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare così ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.