Viaggio nel nostro dialetto: strafügnā e spregnaccā

di Piero Campomenosi
articolo gią pubblicato su L'eco del Maggiorasca

Che molti vocaboli del nostro dialetto, del genovese e dello stesso italiano siano di derivazione gotica, longobarda o quanto meno tedesca, č risaputo e non occorre qui ribadirlo. Estremamente eloquente, a questo proposito, č la nostra toponomastica dove, per esempio, il vocabolo gatter, che in tedesco significa luogo recintato, viene ripreso in toponimi come Gatčra (terreno a nord-est dell'abitato di Santo Stefano d'Aveto), Cattaragna (gatter amnia = torrenti chiusi), Calzagatta (ant. Casagatera = Casa recintata) e che si trova nello stesso vocabolo italiano gattabuia (prigione).
Nell'antico modenese prigione, ad esempio, si diceva comunemente gattara. Si veda Muratori (AR II (1918) 259).

Di notevole interesse č pure la voce verbale strafügnā, diffusa anche nel Piacentino e nel Parmense, col significato di sgualcire, sciupare, arruffare, da cui i nostri strafügnau, strafügnento, strafüggiun.
Tutte queste voci sono di derivazione dal legate termine longobardo strupf (mannello di paglia), col successivo passaggio apofonico u > a pretoniche, da cui hanno origine gli stessi vocaboli italiani struffo, struffolo, strufonare, strufone, voci il cui significato č imparentato con l'italiano strofinare.
Lo struffolo č, ad esempio, quel mazzo di paglia usato dagli scultori per strofinare e lustrare il marmo.
Nel nostro dialetto strafügnā significa stropicciare, spiegazzare e si attribuisce a stoffe e abiti.
"A camisa l'č strafügnā, ne m'a pössu mette!" (la camicia č stropicciata, non la posso indossare...) si dice quando una camicia ha bisogno di una stirata.
In genovese strufüggiu significa per l'appunto strofinaccio o straccio stropicciato e si dice anche come vezzeggiativo.
"T'é ō mź strufüggiu!" sembra quindi voler dire "Sei il mio coccolone!", rivolgendosi soprattutto ai bambini.

Ancora pił interessante dal punto di vista etimologico č spregnaccā, vocabolo che ha da noi il significato di schiacciare con forza, spiaccicare.
Questa voce ha origine direttamente dal verbo tedesco zerknacken che significa schiacciare con i denti.
Da notare che il verbo spregnaccā č proprio solo di due aree linguistiche della Liguria: la Val d'Aveto e Val Fontanabuona.
Si tratta quindi di un termine autoctono, sempre pił sostituito da schissā (schiacciare), che tuttavia nel nostro dialetto non ha proprio la stessa accezione. Un conto infatti č lo schiacciare, ma ciņ che viene "spregnaccau" (si pensi ai rospi che finiscono sotto le ruote delle automobili), lascia spesso solo un ricordo di sé.

 

Proverbi dialettali

"Chi ö sentģ di lamenti, ch'u vagga a truā i manenti" (chi vuol sentire lamenti vada a trovare i mezzadri)

 


 

Links



Pagina pubblicata il 9 febbraio 2007, letta 5084 volte
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail