Verdure ripiene

di Cristina Botto
articolo già apparso su Nel Parco - Notiziario ufficiale del Parco dell'Aveto: si ringrazia la Sagep editori  link esterno per aver concesso la pubblicazione

Per questo piatto si possono utilizzare tutte le verdure che si trovano nel periodo estivo quali patate, zucchine, melanzane, cipolle, peperoni e pomodori.
Ingredienti:

  • verdure di stagione,
  • uova,
  • parmigiano,
  • ricotta,
  • carote,
  • olio extravergine d'oliva,
  • mortadella tritata o salciccia,
  • origano.

Pulite le verdure.
Fate appena sbollentare le zucchine, le melanzane e le cipolle.
Dividetele a metà e togliete la parte interna.
Sbucciate le patate, tagliatele a fette e salatele, così come i peperoni ed i pomodori tagliati a metà.
Preparate il ripieno con uova, parmigiano, ricotta, la parte interna delle zucchine e delle melanzane, un soffritto di cipolle e carote, un pomodoro, origano ed olio.
Si può aggiungere anche carne oppure mortadella tritata; anticamente veniva usata la salciccia poichè, allevando maiali, quasi tutte le famiglie del territorio ne erano provviste.
Riempite le verdure, disponetele in una teglia unta con olio; spolverizzatele in superficie con origano.
Cuocete in forno a 180° per circa 40 minuti.

Potete gustare questo piatto presso tutti i ristoranti e gli agriturismi delle valli del Parco dell'Aveto.
Se volete acquistare le verdure fresche per preparare in casa questa pietanza potete rivolgervi alle numerose aziende agricole che operano nel territorio del Parco dell'Aveto oppure potete recarvi (da maggio ad ottobre al sabato mattina) presso il Mercatino degli aromi e dei sapori  link esterno a Conscenti ed acquistare i prodotti degli agricoltori della Val Graveglia.

 


 

Links



Pagina pubblicata il 3 aprile 2008, letta 2989 volte
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare così ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.