Valdaveto.net > Funghi > Il porcino




Il porcino

Boletus edulis, Boletus aereus

articolo già apparso su Nel Parco - Notiziario ufficiale del Parco dell'Aveto: si ringrazia la Sagep editori  link esterno per aver concesso la pubblicazione
fotografia di Stefano Franzoso

Il porcino è senza dubbio il re dei funghi: è ottimo e molto ricercato per la sua carne saporita e profumata.
Le varietà più apprezzate tra i porcini sono due:

  • il Boletus edulis,
  • il Boletus aereus.

Il porcino fa la sua comparsa dopo abbondanti piogge, da fine estate fino ad autunno inoltrato.

È presente nei boschi dell'Appennino Ligure: il Boletus edulis preferibilmente nei castagneti e nelle faggete, il Boletus aereus nelle peccete e nelle pinete.

Boletus edulis

Ingrandisci l'immagine

Boletus aereus

Ingrandisci l'immagine

Il cappello è prima emisferico, poi allargato e convesso; la sua superficie è glabra.
Il colore del cappello può essere bruno-marrone, beige, fulvo-rossastro nel caso del Boletus edulis; bruno-nerastro o quasi nero nel caso del Boletus aereus.


I tubuli sono liberi e facilmente asportabili; con l'età diventano giallastri.
Il gambo è pieno, robusto e allungato, ingrossato alla base, mentre la carne è bianca e compatta.

Boletus edulis (fotografia di Stefano Franzoso)

Ingrandisci l'immagine

In cucina se ne fa ampio utilizzo: gli esemplari freschi si preparano al forno, o impanati e fritti, "al funghetto" o in sughi.
Si possono tagliare a fette sottili ed essiccare, usandoli poi per insaporire le pietanze.
Sono ottimi anche conservati sott'olio oppure sott'aceto.

A chi volesse saperne di più si consiglia la lettura del testo "Funghi belli e buoni - Come riconoscerli, come cucinarli, come conservarli", S. Maccioni - E. Guazzi, Sagep editori  link esterno .

 


 

Links



Pagina pubblicata il 3 aprile 2008 (ultima modifica: 14.02.2016), letta 16154 volte
Per esprimere un commento su questo articolo si prega di contattare la redazione via e-mail

Avviso per gli utenti. Dal luglio 2014 è stato deciso di inserire alcuni annunci pubblicitari sulle pagine di questo sito web nella speranza di interessare gli utenti e provare così ad ammortizzare, almeno parzialmente, i costi del progetto Valdaveto.net.